Ubi Math UbiMath

il libro Let’s Math


Aiuta il sito adottando il testo per la secondaria di primo grado "Let's Math. Matematica per il tuo futuro." (versione 2020)

>> Sito Le Monnier Scuola
>> libro ONLINE
>> Per info

L'et's Math

Let’s Math! apre una finestra sul mondo della gare matematiche. All’interno del percorso esercitativo troverete attività tratte dalle principali gare a cui partecipano gli studenti delle scuole secondarie di primo grado.
Il sito è e rimarrà sempre completamente gratuito ma così sarà rivitalizzato e rinnovato, adattandosi e sviluppando il percorso del testo.

il libro WikiMath


Aiuta il sito adottando il nuovo testo WikiMath (2017), che vede Ubaldo Pernigo tra gli autori, per i tipi Le Monnier Scuola Mondadori Education.

>> Sito Le Monnier Scuola
>> Per info

wikimath, nuovo testo 2017

credit

Copyright © 1987-2019 Ubaldo Pernigo - Licenza Creative Commons
UbiMath di Ubaldo Pernigo è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso www.ubimath.org.

Rudi Mathematici 146 marzo 2011

LogoRudiMathematici Su rudimathematici.com è in linea Rudi Mathematici 146, Anno dodicesimo. marzo 2011. Rudi Mathematici – Matematica, Giochi Matematici, Problemi, Indovinelli e Farneticazioni – [Rivista fondata, come UbiMath, nell’altro millennio] # FacebookFacebook

RM133, Febbraio 2010, è in linea:
http://rudimathematici.com/archivio/133.pdf

C’erano una volta i sussidiari. Quasi senza fallo, detti sussidiari dedicavano una pagina alla storia di un’uccellina bianca e dei suoi tre piccolini. La storia narra che, verso la fine di Gennaio, il freddo si era fatto così drammaticamente intenso che i quattro volatili non riuscivano a sopportarlo, nel nido; e allora la mamma decise di fare il gran passo, e andò a rifugiarsi, con i suoi tre pargoletti, dentro un comignolo. Il freddo intenso durò tre giorni, proprio gli ultimi tre giorni di Gennaio: solo all’alba del quarto, il primo di Febbraio, gli uccellini riuscirono a mettere letteralmente il becco fuori dal loro riparo. Solo che, ahimè, tre giorni dentro un comignolo, per delle piume e penne bianche, non sono davvero cosa da rimanere senza traccia: la mamma e i suoi figlioli uscirono dal camino neri come la pece. Erano dei merli, che fino a quel giorno erano gli uccelli più bianchi del creato: ma da quel giorno in poi, i merli furono sempre neri. Per sovrappiù, narrano i sussidiari, gli ultimi tre giorni di Gennaio, i più freddi dell’anno, da quel dì si chiamano “giorni della merla”.

Si potrebbe adesso fare un po’ i pignoli, e mettersi a fare le pulci alla storiella: tanto per cominciare, la cosa che più stupisce è proprio il colore della merla. Se i merli maschi sono infatti davvero neri, le femmine sono brune: dobbiamo immaginarci che la fuliggine ha risparmiato in parte la genitrice e si sia accanita sui merlotti? E poi, a voler vedere le statistiche, la storia che gli ultimi tre giorni di Gennaio siano i più freddi dell’anno non è confermata dai dati: a partire dalla metà del mese, infatti la temperatura media tende ad aumentare, e nei Giorni della Merla si ha mediamente una temperatura di qualche decimo di grado superiore alla media del mese.

Ecco, abbiamo sistemato la storiella, con queste precisazioni. Resta però il fatto che i sussidiari meritano rispetto (ma esistono ancora? Speriamo di sì…) e che ogni tanto si prendono delle belle soddisfazioni. Mentre scriviamo manca ancora qualche ora alla fine della Merla, ma da queste parti il freddo è tale da far venire voglia davvero di sistemarsi dentro il comignolo. Anche per questo aspettiamo davvero con ansia l’avvento di Febbraio.

Febbraio è mese speciale, e non solo per la sua brevità. E’ il mese del compleanno di Rudi Mathematici, e il nostro giornalino incomincia ad avere un’età di tutto rispetto: non ancora abbastanza da volersi calare gli anni ma, come ripetiamo sempre in queste occasioni, ne ha già davvero tanti di più di quanti ne immaginavamo alla sua nascita. Quest’anno, poi, è un anno pari non bisestile, e questa combinazione è molto interessante, dal punto di vista matematico. Riuscite ad immaginare perché?

No, non per i mondiali di calcio… e no, neanche per le olimpiadi invernali: l’estrazione torinese della rivista fa sì che, dopo Torino 2006, la redazione guardi con affetto e nostalgia a Vancouver 2010, ma non è questa la ragione. La ragione si chiama Hyderabad: e se il nome non vi dice nulla, non fatevene un cruccio; devono essere davvero pochi gli Italiani che sanno collocare subito quel nome, anche se si tratta di una città di oltre quattro milioni di abitanti . Ogni quattro anni si tiene il Congresso Internazionale dei Matematici, e dopo Madrid 2006, quest’anno toccherà proprio a Hyderabad, India. Saranno consegnate altre quattro medaglie Fields (probabilmente: certo, non più di quattro) a matematici sotto i quarant’anni. Dubitiamo che l’IMU (International Mathematical Union) voglia premiare l’unica di noi tre che ha ancora l’età giusta per la Fields, quindi ci limiteremo a fare il tifo per i nostri lettori: siamo sicuri che tra voi si annidi qualcuno in grado di portare a casa la medaglietta col profilo d’Archimede.

E se proprio non ce la fate… beh, continuate ad allenarvi. Se cliccate sui link in testa e in coda a questa mail potrete trovare quasi quaranta pagine di matematica, tra problemi e altre amenità. Ci trovate la computazione quantistica e la vita d’un italiano che la Fields poteva vincerla serenamente, anche un paio di volte.

E se non volete neppure allenarvi, beh, almeno ricordatevi che dopo Febbraio viene Marzo, con Marzo arriva la primavera e fioriscono le occasioni di fare matematica: anzi, per partecipare al convegno “Matematica e Cultura” di solito bisogna prenotarsi con un po’ d’anticipo, quindi forse è bene che facciate un salto qui: http://www.mat.uniroma1.it/venezia2010/, se volete arrivare in tempo. Nel frattempo, se non volete proprio giocare d’anticipo, ricordatevi almeno che la ventiduesima edizione del Carnevale della Matematica si terrà proprio nella nostra dependance arredata da Le Scienze: http://rudimatematici-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/: se avete qualcosa da segnalarci per l’occasione, non aspettate che arrivi San Valentino!

Ah, già… a proposito di San Valentino: lo sapete che vi vogliamo bene, vero?

Comments are closed.