Ubi Math UbiMath

il libro Let’s Math


Aiuta il sito adottando il testo per la secondaria di primo grado "Let's Math. Matematica per il tuo futuro." (versione 2020)

>> Sito Le Monnier Scuola
>> libro ONLINE
>> Per info

L'et's Math

Let’s Math! apre una finestra sul mondo della gare matematiche. All’interno del percorso esercitativo troverete attività tratte dalle principali gare a cui partecipano gli studenti delle scuole secondarie di primo grado.
Il sito è e rimarrà sempre completamente gratuito ma così sarà rivitalizzato e rinnovato, adattandosi e sviluppando il percorso del testo.

il libro WikiMath


Aiuta il sito adottando il nuovo testo WikiMath (2017), che vede Ubaldo Pernigo tra gli autori, per i tipi Le Monnier Scuola Mondadori Education.

>> Sito Le Monnier Scuola
>> Per info

wikimath, nuovo testo 2017

credit

Copyright © 1987-2019 Ubaldo Pernigo - Licenza Creative Commons
UbiMath di Ubaldo Pernigo è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso www.ubimath.org.

RM160, Maggio 2012, è in linea

RM160, Maggio 2012, è in linea: www.rudimathematici.com/archivio/160.pdf
Non molto tempo fa, ad una conferenza che si teneva nelle ospitali aule di Palazzo Campana, sede dell’Istituto di Matematica dell’Università di Torino nonché della Associazione Subalpina Mathesis, il meteorologo Luca Mercalli concionava sui progressi e l’evoluzione delle previsioni del tempo. Ad un certo punto, nella discussione finale con domande del pubblico, nel rispondere alla rituale domanda sull’esistenza o meno delle mezze stagioni, Mercalli definì il tempo d’Aprile di questi ultimi anni come “il nostro monsoncino”. Beh, non sappiamo cosa ne pensi il resto d’Italia e del mondo, ma perlomeno per quel che riguarda il profondo Nord-Ovest nazionale che ospita RM, la definizione sembra tragicamente esatta. Aprile è una specie di “stagione delle piogge”, e anche se la pioggia deve essere davvero benedetta (l’autunno-inverno ne è stato avarissimo), confessiamo che l’idea di vedere un po’ di azzurro nel cielo e di ombre ben delineate sul terreno ci attira molto. Anche perché Torino aveva in programma un gran bel Festival Jazz, e alcuni dei migliori concerti in piazza sono stati drammaticamente penalizzati da quest’imitazione di Cherrapunji.

La capitale sabauda proverà a rifarsi con il tradizionale appuntamento maggiolino del Salone del Libro, giunto alla 25° edizione. Si terrà dal 10 al 14 Maggio, e anche in epoca di e-book c’è rischio di incontrarci delle persone simpatiche.

Però stiamo parlando solo di cose che accadono nei dintorni di Torino, è questo è male. Anche se tutti gli eventi citati (situazione meteorologica compresa) sono in realtà di caratura nazionale, si rischia lo stesso di fare la figura dei provinciali, o peggio ancora dei campanilisti; passiamo pertanto a dare solo notizie di levatura assolutamente internazionale: parleremo di RM.

Una sconvolgente novità è l’ufficiale istituzione della pagina Facebook di Rudi Mathematici. Se ci abbiamo messo così tanto a farla, è per un sacco di buone ragioni; abbiamo già un’e-zine, un sito, una rubrica su una rivista cartacea di somma levatura, un blog, delle conferenze e tre vite da gestire; poi, a dire la verità, forse proprio perché pestiamo tastiere da trent’anni e ci ricordiamo persino le epoche in cui non esisteva neppure l’e-mail, abbiamo certo un po’ d’inerzia resistiva contro i social-network. Infine, ma a dire il vero è proprio la ragione principale, non sapevamo bene cosa farci, con una pagina FB; e a dirla tutta, non lo sappiamo benissimo neanche adesso. Però, effettivamente, qualche utilità potrebbe averla: ad esempio, abbiamo accennato ai pochissimi lettori che ci hanno già trovato lì che questo RM160 sarebbe uscito in ritardo. E potremmo segnalare alcuni post del blog (e magari anche qualche intersezione con le pagine FB dei singoli componenti la Redazione, chi lo sa…). Poi, visto che Facebook significa alla fine proprio “Libro delle Facce”, metteremo in bella vista qualche foto della triade: e, soprattutto, se avete voglia di presentarvi al mondo in qualità di RMers, potete farlo anche voi. Abbiamo già pubblicato la foto di Rub, e, se volete, dei post dal titolo “Facce da RM” potrebbero diventare una specie di appuntamento fisso della paginetta. E poi, beh, è ovvio… può diventare una maniera per far parlare direttamente gli RMers, senza il solito e noioso tramite della Redazione.

Mentre Endre Szemerédi vince il Premio Abel e rinnova il mai spento lustro della matematica ungherese, noi ci domandiamo perplessi se due anni fa vi avevamo informato o meno che le quattro Medaglie Fields consegnate a Hyderabad sono andate a Elon Lindenstrauss, Ngô B?o Châu, Stanislav Smirnov e a Cédric Villani. Speriamo di sì, altrimenti che razza di Newsletter matematica sarebbe mai, questa? Per quale oscuro motivo dovreste mai leggerla? Per sapere dove passano i week-end i tre disperati redattori d’una e-zine?

No, perché in questo caso, potremmo provare ad accontentarvi. Ad esempio, l’ultimo week di Maggio ben due redattori su tre varcheranno insieme il Rubicone (o quantomeno l’Appennino), che non è certo cosa che accada tutti i giorni. La colpa è tutta di Felice Costanti, che si è messo in testa di festeggiare l’ottantesimo compleanno della sua città con un mese di celebrazioni: beh, non che faccia tutto da solo (e ci mancherebbe pure, considerando quanta carne hanno messo al fuoco), ma lui è il responsabile della sezione “Scienza” del festival Lievito che si terrà a Latina proprio questo mese. Il sito è in divenire: se non vi trovate ancora il ricchissimo programma di eventi previsti fate un giro sulla pagina “Memento” del nostro sito: lì trovate quanto meno tutti gli incontri di natura scientifica del festival. Se non siete troppo distanti da Latina (e immagino che quantomeno tutti i lettori della capitale non potranno dire di esserlo), vi consigliamo di scegliere un evento e andare a presenziare. Noi saremo lusingatissimi se dovessimo vedere qualcuno di voi sabato 26 maggio, ore 11.00, in quel del Teatro Comunale “A.Cafaro”, ma se fossimo in voi, ce ne andremmo a sentire invece Lucio Russo, giusto il sabato prima (anche perché noi, la nostra conferenza, la conosciamo già).

Per il resto, ricordatevi che Maggio è un gran bel mese, celebratelo in qualche maniera. E, anche se la Festa della Mamma non è altro che una becera operazione commerciale e di marketing, fate comunque un paio di coccole alle genitrici. Loro fanno sempre finta che non gliene importa niente, ma sotto sotto sono contente, se le sbaciucchiate.

E, perdinci, sorridete! È primavera davvero.

Comments are closed.